Maria Pia Romano | bio
108
page-template-default,page,page-id-108,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

bio

Biografia

MARIA PIA ROMANO, laurea con lode in Materials Engineering and Nanotchnology e PhD in Nanotecnologie presso Unisalento, è scrittrice e giornalista, si occupa di comunicazione, uffici stampa e social media management.
Per Besa ha già pubblicato le raccolte di poesie Il funambolo sull’erba blu e La settima stella (2008), oltre a diversi romanzi: Onde di follia (2006), L’anello inutile (2011) – che ha ottenuto
le tre penne di “Billy il vizio di leggere” del TG1 ed è stato finalista al Premio Nabokov 2012; Le amiche imperfette (2020); Le stagioni del viaggio (2021) – Premio Speciale per
la Narrativa edita Premio Nabokov 2022 e Premio Zingarelli 2023 per la Narrativa; La cura dell’attesa (2023), vincitore, tra gli
altri, del Contropremio Carver e del Premio Letterario Città di Mesagne.
Le sue poesie sono inserite nel Museo della Poesia di Perla Cacciaguerra a Cesa. Il suo racconto “Settembre a Gallipoli è stato pubblicato da Rai Eri. Suoi testi sono stati tradotti da Amina di Munno e Cassio Junqueira per il Festival della Letteratura Italiana in Brasile.